mercoledì 30 gennaio 2008

NUOVA PAGINA APERTA


Potete trovare tutti gli argomenti già trattati da questo blog nelle seguenti pagine:
"Elenco degli Ortaggi",  
Per aiutarci a mantenere ordine, vi invitiamo a dare un'occhiata a questo elenco prima di lasciare i vostri commenti e porre le vostre domande 
perché magari trovate già la risposta, 
e il commento lasciato nel posto giusto aiuta tutti a seguirne il filo

PER LA RICHIESTA DI SEMI VI PREGHIAMO DI USARE LA PAGINA DEDICATA

253 commenti:

  1. La terra oggi canta. Non è un canto di gioia, è come se si sentisse in lontananza il tossire di un annegato ripescato appena in tempo o il rantolo di una rana rimasta intrappolata, che non ha più fiato per gracidare.
    Conosco già questo suono, così abbasso l'orecchio fino quasi a terra per apprezzarlo al meglio.
    Dopo tanta, tanta, tanta pioggia oggi si è visto un flebile raggio di sole e dalla terra ridotta ormai ad una poltiglia semiliquida, milioni, miliardi di bollicine improvvisamente hanno iniziato a sollevarsi e a scoppiettare sommesse, unendo i loro impercettibili suoni fino ad avvolgermi in un canto leggero.
    Mi piace pensare che sia il suono dei semi che sotto terra si aprono, dei cotiledoni troppo a lungo imprigionati che si distendono, dell'erba che ancora non si vede ma che sta crescendo per raggiungere il sole. Mi piace pensare che sia il messaggio di un orto effervescente, impaziente di rinascere dopo mesi di inzuppo.
    Il sole è già stato coperto dalle nuvole grigie, ma per me è primavera, così inauguro la nuova pagina dei commenti augurando Buona Primavera a tutti gli Amici dell'Orto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Primavera, prima o poi, arriva sempre... (Lev Tolstoj)

      La primavera non è primavera se non arriva troppo presto. (Gilbert Keith Chesterton)

      Elimina
    2. Grazie ad entrambi, per avere sopportato e supportato questo mio slancio primaverile.

      Elimina
  2. Ho messo a dimora a fine febbraio delle zampe di asparago di due anni, la colla è larga circa 2.50 mt, lunga 5.50 mt, nella parte centrale larga circa 40-50 cm ho messo le zampe, ai bordi la terra è circa 20 cm più in alto (spero di farvi capire, il mio italiano non è dei milgiori).
    Cosa posso coltivare asiseme agli asparagi per tenere "coperto" il terreno?
    Ho letto delle lattughe, fagioli nani, pomodori, prezzemolo, posso seminare su tutta la colla, anche nella parte centrale dove ci sono le zampe?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima cosa invidio la tua disponibilità di terra per gli asparagi. Io ho potuto sottrarre all'orto di mia mamma solo una misera striscia di 20 x 60 cm... dove avevo messo tre piantine da seme. Ora ne ho solo due, e al posto della terza defunta ho messo degli asparagi selvatici, speriamo!
      Il mio dubbio è che uno scavo di soli 20 cm sia un po' poco profondo. Hai messo sotto dei ramoscelli in modo che al momento facciano spessore e poi disfacendosi facciano affondare l'impianto?
      Altrimenti mi sembra davvero molto poco.
      La mia micro aiuola è 20 cm sotto il livello del suolo adesso, dopo anni dall'impianto e quindi dopo anni che aggiungo terra.
      Ma non disperare: le mie conoscenze sono solo teoriche, gli altri ti spiegheranno in modo più corretto.

      Io avendo così poco spazio non ci ho messo nulla, ma penso che possano andare bene lattughe e prezzemolo, temo che pomodori e fagioli abbiano radici troppo profonde e che andresti a disturbare gli asparagi nell'impianto ed espianto.

      Anzi! Grazie, mi ha ricordato che devo andare a raccogliere i primi asparagi!

      Elimina
    2. il mio compagno di orto mi aveva suggerito di mettere i ramoscelli e io non l'ho ascoltato, meglio non dirgli niente.
      ho sbagliato a scrivere le profondità, le zampe restano a 40 cm dal livello di calpestio, se non gli faccio franare la terra dei bordi e ne aggiungo di nuova può diventare anche di più.
      grazie

      Elimina
    3. No, no! Non dirgli niente, mi raccomando!
      Vedrai che avrai degli ottimi asparagi.
      Io ne ho raccolti 4... in pratica mi produce una sola delle due piante, ma sono squisiti, ho fatto due piatti di risotto e il sapore di asparagi si sentiva, eccome! Altro che quelli comperati.

      Elimina
  3. Buonasera,
    Vorrei presentarmi. Sono Mario Anfiteatro da Benevento e questa primavera mi piacerebbe sperimentare di piantare sul mio balcone qualche pianta originale. Mi sono già procurato tutto l'occorrente. A parte il peperoncino di cui sono ghiottissimo avete qualcosa da consigliarmi? E' un piacere fare la vostra conoscenza

    RispondiElimina
  4. Mi sembra di avere letto qualche giorno fa qui nel blog di certi fagioli che in condizioni adeguate possono superare l'inverno diventando ogni anno più produttivi e rigogliosi.
    Non riesco a ritrovare l'articolo, tanto che sono arrivata alla conclusione di avere capito male, o di ricordare male.
    Qualcuno di voi conosce un tipo di fagiolo che da noi, magari in serra, può superare l'inverno?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, anche io ricordo qualcosa riguardo ai fagioli perenni, e al momento ho ritrovato un commento di Angelo del 13 maggio 2013 al post che parlava del fagiolo "coccineus"
      Ti riporto il testo del commento citato:

      ... Molti fagioli di Spagna sono perenni e, nelle zone non adatte, andrebbero coltivati in serra. Il fagiolo del Papa è un fagiolo di Lima, perenne anch'esso.
      Non credo che la serra fredda basti ... Ma è da provare!

      Elimina
    2. Grazie! E' bello avere la conferma, credevo di averlo immaginato.
      Pianterò in serra i miei fagioli Lima, e vedremo come si comporteranno.

      Elimina
    3. se abiti nel nord italia come mi pare di ricordare e non hai la serra riscaldata, sarà difficile che passino l'inverno..

      Elimina
    4. Ricordi bene, e hai ragione. Abito a Milano e la serra non è riscaldata.
      Però lasciati fuori morirebbero comunque. Non è come prendere una rarissima pianta tropicale e volerla coltivare a tutti i costi in condizioni proibitive, i fagioli tutti li coltivano come annuali e poi li estirpano.
      Dai, ci provo!


      Voi come coltivate i vostri fagioli di Lima?
      Pieno sole, mezz'ombra o ombra?
      Grazie!

      Elimina
  5. Zucca Mammouth
    Qualcuno di voi l'ha coltivata e conosce la pianta?
    Io ho seminato due semi di "zucca Mammouth" e ho ottenuto due piante che a me sembrano di zucchina.
    http://fioridiaiadue.altervista.org/albums/primavera-2014/14-04-15-zucca-o-zucchina-1-.JPG
    http://fioridiaiadue.altervista.org/albums/primavera-2014/14-04-15-zucca-o-zucchina-2-.JPG

    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Ho perso i miei pomodori "grandi a grappolo"
    Mi dispiace, perché sono i primi pomodori che ho selezionato e hanno tante buone caratteristiche.
    Qualcuno che ha ricevuto i semi, ne avrebbe per caso qualcuno da restituirmi?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, ti posso dare un consiglio? Quando invii i semi agli amici, ricordati sempre di farti un elenco, così in caso di necessità saprai a chi rivolgerti, penso senz'altro che qualcuno ti invierà i semi che cerchi...
      Domenico

      Elimina
    2. Hai ragione... Inoltre dovrei controllare di non stare inviando l'ultima bustina rimasta... :-(

      Sono disordinata cronica.

      Elimina
  7. Ciao a tutti,
    ho bisogno del vostro aiuto perchè sono in difficoltà, come avete visto sono spesso assente dal blog e non scrivo post oramai da mesi, per vari motivi devo riuscire a star dietro a molti compiti ed il tempo disponibile oramai non mi basta più!

    Ho al momento 27 pagine con trenta mail ognuna in attesa di risposta, molti oramai pensano che sono un "maleducato" che non tiene alla parola data, che non voglio spedire loro i semi... Non riesco a stare dietro alle richieste, per preparare e spedire buste ho rinunciato a conversazioni con gli amici della prima ora, aa scrivere post sul blog, alle potature, ai semenzai...

    Non voglio più che questo "lavoro" mi rubi tempo da dedicare al resto, spedirò i semi appena posso ma senza scadenze da rispettare! Ai richiedenti dei semi vorrei ricordare di non scambiarci (io e gli altri amici titolari delle liste dei semi) per delle sementiere a costo zero, gli scopi del blog li conoscete.

    Per farvi un esempio pratico vi dirò del povero Moreno, che mi chiedeva cosa chiedere in cambio delle sue zucchette spinose... Scommetto che molti richiedenti si siano eclissati quando, dietro mio suggerimento, ha chiesto il rimborso delle spese postali e dell'imballo, una quindicina di euro almeno, tempo (preparazione del pacco + coda alla posta...) e zucche gratis!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo, non so come fai ad accontentare tutte le richieste di semi.
      Io da egoista non metto una lista proprio per quello: non sarei in grado.
      Prima di tutto non riuscirei ad isolare tutti i tipi di semente, poi non riuscirei a spedire.
      Così scambio ugualmente i miei semi, ma tradendo gli Amici dell'orto per altri amici del coltivare, forse meno esigenti riguardo l'assoluta purezza dei semi. Questo mi consente anche di spedirli in blocco.
      Non riuscirei assolutamente a spedire in continuazione.
      Già faccio confusione così, come quando ho spedito la mia ultima bustina di pomodori grandi a grappolo... che rabbia.

      Sono contenta di spedire semi a chi me li chiede anche se non presenti in lista, perché così le richieste sono poche e quindi gestibili, ma non sarei in grado di fare nemmeno la decima parte di quanto fai tu.

      Spedire le zucchette spinose poi! Sono enormi!

      Grazie per il vostro importante lavoro
      Claudia

      Elimina
    2. Angelo, non sai come ti capisco!! Anch'io sono sommersa di richieste ormai! Ti impegni davvero tanto e tutti noi apprezziamo l'enorme lavoro che fai per amore della natura e della preservazione della biodiversità. Un grazie di cuore e un abbraccio. Ti ho mandato dei semi e una piantina per mezzo di Massimo, spero che ti saranno graditi. Grazie infinite per le cime di rapa, che ovviamente coltiverò e riprodurrò per poi distribuire i semi in modo che vengano coltivati e non si perdano nell'oblio. Buon orto a te e a tutti!!

      Elimina
    3. Ciao Roberta,
      grazie a te per l'aiuto che mi state dando assieme a Massimo, Betty e gli altri Amici, complimenti per il Gruppo Facebook, un meritato successone!

      Grazie per i semi e per la pianta, appena posso ti invio altre varietà interessanti, sia di cime di rapa che di molto altro...

      Angelo

      Elimina
    4. Grazie Angelo... farò del mio meglio per coltivare e condividere. Ce la sto mettendo tutta. Per fortuna sono riuscita a coinvolgere anche amici e parenti. Quest'anno ognuno ha avuto una varietà da coltivare per raccogliere semi. Speriamo di riuscire a fare un buon lavoro! Ti terrò aggiornato anche attraverso il gruppo facebook. Buon fine settimana!!

      Elimina
  8. "Ho fatto una ricerca su google ed ho visto che avete tanti semi interessanti! Complimenti! Volevo una sessantina di semi della melanzana di Rotonda, come posso averli? Ed il costo? Grazie! "

    Questo è uno dei tanti che attendono risposta, è evidente che non legge il blog, non rifarà i semi da scambiare e mi ha scambiato per una sementiera!

    Io sono impegnato in varie collaborazioni, lo scopo non è un successo personale che non è mai stato mio obiettivo, i frutti andranno sempre a favore dei semi "liberi" e degli Amicidellortodue!

    Buonanotte!
    Angelo

    RispondiElimina
  9. Hai ragione Angelo, spedire pacchi non è proprio così economico e come scrivi tu code infinite alle poste, per fortuna che non tutti hanno glissato e sono riuscito a scambiare le zucchette che avevo, scambiare semi è molto più semplice. La mia prima esperienza di questo genere mi ha soddisfatto con i miei 15 scambi e spero come tè che almeno si riproducano dei semi per loro stessi, mantenendo in vita le nostre biodiversità e non ci sfruttino solo per l'economicità dello scambio.

    RispondiElimina
  10. eh... è evidente, e anche un po' deprimente, constatare che la grandissima parte delle richieste denota appunto la mancata lettura del blog... purtroppo gli indirizzi sono lì, e quello di Angleo, con una lista tanto corposa, è come lattuga per le limacce!!!
    eh si... lo so, sono polemico perchè ho ancora il nervo scoperto dalla ricezione di una richiesta dove non c'era né il saluto iniziale né quello finale, e tanto meno si faceva riferimento all'eventuale rimborso dei costi di spedizione... neanche mio fratello mi ha mai scritto una mail del genere senza scrivere un "ciao". Eh... mi son sentito peggio di una sementiera a costo zero... ovvio che ho eliminato il messaggio e chiuso...
    però, grazie agli scambi, ho anche conosciuto delle persone eccezionali, generose e capaci, con le quali continuo a scrivermi e a sentirmi ogni tanto... in un caso è anche capitata l'occasione di poterci incontrare... e questo mi ripaga di tutto. il bilancio è positivo.
    MAX

    RispondiElimina
  11. Vorrei poter avere se possibile o dirmi dove acquistare a bergamo e provincia i semi dello erba di grano....grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi cercare semi di frumento, ma anche orzo o farro.
      Probabilmente il farro in vendita a scopo alimentare potrebbe germogliare.
      Il frumento non credo, e nemmeno l'orzo, perché sono lavorati.
      Potresti cercare da un mugnaio o da un fornitore di semente per agricoltura.

      Elimina
  12. Ciao a tutti. Mi chiamo Anke e ho preso un terreno da coltivare abbastanza grande, in Campania. Una parte è con alberi e ombra ma la maggior parte è esposta al sole forte dalla mattina alla sera e in più molto ventilato. La mia domanda a voi : che cosa cresce bene in queste condizioni (senza che devo innaffiare quotidianamente), per me andrebbe bene anche mettere delle piante tappezzanti resistenti al calore …
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anke,
      la tua è una di quelle domande con risposta impossibile, le informazioni che dai sono insufficienti! Ci sono molti semi che resistono al caldo ed alla siccità ma a condizione che il terreno sia stato ben preparato alla coltura in arido.

      Angelo

      Elimina
    2. Grazie per la risposta Angelo, mi sono resa conto che ho fatto una domanda troppo generico. Andando a vedere i vecchi blog ho trovato comunque tante informazioni utili. Finora cresce a meraviglia la mandorla di terra, a Napoli vengono chiamati "serroni" !
      La "mia" terra non è stata coltivata per minimo 10 anni ed era completamente coperta da vegetazione selvatica, fino a ca. 2,5 m di altezza, infatti sotto ci sono usciti anche alberi ! Sarà un impresa difficile per sicuramente più di un anno ma ho tanta grinta di farcela !
      Anke

      Elimina
  13. Qualcuno di voi ha mai provato a seminare gli asparagi?
    Ho trovato una bustina di semi in un negozio ed ho provato
    Sono ormai 20 giorni che li ho seminati in semenzaio, la temperatura ormai qui è buona quindi li ho lasciati all'aperto,ma ancora nulla, sono così lenti a germogliare ho sono una "bufala"
    Grazie Liliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho seminato gli asparagi da semi ricevuti tramite scambio nel 2008.
      Non ricordo quanto tempo impiegarono a germogliare. Mi pare di avere seminato in gennaio e la prima foto che ho è del 29 marzo, la piantina sarà 3 cm.
      So che per tre anni non vanno raccolti per permettere alla pianta di svilupparsi. Non ho un gran raccolto perché ne erano nate tre piantine, ne sono rimaste due e di queste solo una produce regolarmente, l'altra fa germogli sottili e duri invece che bei turioni. Quindi è come se ne avessi una sola pianta, però sono molto saporiti.

      Elimina
    2. Foto di ieri
      http://www.fioridiaiadue.altervista.org/primavera-2014/14-06-01-asparago.JPG.html

      Elimina
    3. Ciao Liliana,
      la semina dell'asparago è decisamente "impegnativa", per ottenere successo occorre trattare i semi in maniera adeguata, una germinazione ottimale richiede la stratificazione dei semi per almeno otto mesi, le bacche devono passare in sabbia umida tutto il periodo estivo e quello invernale. Se le bacche sono "vecchie" è meglio, prima di metterle in terra vanno tenute in acqua tiepida (35-40°) per un giorno. Oppure usare il metodo di Claudia, semi puliti dalla polpa messi in panno umido tenuto al buio, temperatura costante di 20°.

      Angelo

      Elimina
    4. A questo punto consiglio il mio metodo. Come dicevo non ricordo con esattezza la data di semina, ma sono ragionevolmente certa che fosse in gennaio e che sia spuntato in tempi ragionevoli.
      Basta trovare di nuovo i semi.
      Oppure prendi le zampe.

      Consiglio prematuro: non bisogna raccogliere tutti gli asparagi. Io ne raccolgo la metà.

      Elimina
    5. Ho capito che seminare asparagi è decisamente impegnativo come dice Angelo. Li ho seminati come qualunque altra pianta in semenzai con buon terriccio.Recupererò il "buon terriccio" e visto che ho ancora semi mi cimenterò con i due metodi,tanto per non farci mancare nulla.
      Cara Claudia tu hai problemi con i cetrioli io con gli zucchini tutti malati di oidio.Il perdurare di piogge e scirocco credo che non sia un bene.
      Provvederò alla pulitura ed alla disinfestazione.
      Grazie LILIANA

      Elimina
    6. Una cosa di cui non posso lamentarmi è l'oidio alle zucchine.
      Mia cugina spruzza le foglie con il latte, ma non avendo provato il metodo non so garantire i risultati.
      Il metodo del panno umido (poi chiuso in un sacchetto di plastica o anche in una scatoletta) è pratico perché permette di non dover curare giornalmente l'umidità della terra, e di controllare lo stato dei semi.

      Elimina
    7. Ho letto anche io la storia del latte
      proverò anche questa.
      A proposito di asparagi,non demordo,la scelta delle zampe è sicuramente la migliore,ma qui non esistono ed Ingegnoli le vende a carissssimo!!!.
      prezzo
      Vi terrò aggiornati

      Elimina
    8. Ciao Liliana! Dalle mie parti si trovano con facilità le zampe di asparagi, se hai intenzione di piantarne il prossimo inverno fammelo sapere che ti dico cosa costano.

      Elimina
    9. Grazie Moreno, ci penserò sicuramente e ti farò sapere.
      A proposito dei miei asparagi seminati,ieri pomeriggio ho avuto la bella sorpresa: gli asparagi cominciano a nascere, non tutti ma molti.
      Che la mia perseveranza sia stata premiata???
      Per fortuna ho avuto pazienza.
      Solo noi "coltivatori diretti" possiamo capire il piacere di vedere un risultato così.
      Ora speriamo che tutto proceda bene.
      Alla prossima puntata

      Elimina
    10. Dai! Vedrai che presto ne spunteranno altri.

      Elimina
    11. Grazie dell'incoraggiamento
      E' incredibile,è la prima volta che semino asparagi quindi perdonate il mio entusiasmo,sono asparagi in tutta la loro bellezza piccolissimi ma già asparagi non ci posso credere
      Alla prossima
      sperando di non tediarvi troppo

      Elimina
    12. Ciao Liliana,
      non ci tedi anzi i tuoi successi sono uno stimolo per tutti, come dico sempre "provare, provare!"

      Ho un pò di piante di asparagi che vorrebbero trasferirsi in Salento...

      Angelo

      Elimina
    13. Aspetto la mietitura,quest'anno grano poco, per preparare l'asparagiaia con la paglia mista alla nostra terra che è molto argillosa e quindi pesante.
      Nel frattempo curo con amore materno i miei asparagini aspettando che crescano un po e quindi trapiantarli in contenitori più grandi e via così fino alla messa a dimora stabile.
      Dirò che delle due buste di semi comprate di due diverse marche a tutt'oggi solo una ha dato frutti,una marca veneta famosa ed affidabile l'altra francese nulla.
      I tuoi asparagi saranno i benvenuti nel nostro Salento grande onore e grande responsabilità

      A presto
      Liliana

      Elimina
  14. AIUTO!!!
    Cosa accade ai miei bellissimi cetrioli?
    Sono rigogliosi, pieni di fiori, ma una pianta a settimana secca.
    Cosa posso fare? LI estirpo per vedere se c'è qualcosa sotto?
    http://fioridiaia.altervista.org/index.php?album=altro/cetriolo
    Grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle foto è evidente che l'apparato radicale è messo male, sembra mangiato o marcito, preoccupante anche quel colore nero della radice appena sotto il colletto. Penso che la soluzione dell'enigma verrà dall'ispezione accurata del terreno, il problema è lì! Tienici informati degli sviluppi.

      Angelo

      Elimina
    2. Devo proprio scavare...
      Grazie

      Elimina
    3. Non riesco. I cetrioli si arrampicano su una rete messa in quadrato attorno al gruppo di piante e non è possibile toglierla perché ci si sono intrecciate.
      Mi sembrava un enorme miglioramento rispetto ai 37 ramoscelli ramificati che aveva messo mia mamma a 6 piantine di cetriolo messicano... invece ho problemi anche così. Mi sa che non mi resta che sperare che l'insetto abbia finito di mangiare. Saranno le larve di cetonia.

      Elimina
  15. POSTA DEL BLOG
    Scrivo qua con la speranza che qualcuno legga.
    Non leggo la posta del blog da tanto tempo e ci sono tantissime le lettere alle quali adesso bisogna rispondere.
    Pazientate ancora un po'.

    Un problema che si nota leggendo la posta è quella che le persone non leggono attentamente quello che scriviamo sul blog.
    C'è chi chiede di comprare semi e piante e chi chiede la disponibilità dei semi, quando potrebbe scrivere direttamente alle persone che li mettono a disposizione.
    Chiedo a tutti i neofiti del blog di leggere prima con attenzione le regole di scambio dei semi, e poi di scrivere direttamente alla email personale di chi li mette a disposizione.
    RICORDO ANCORA che qui SI SCAMBIA E NON SI VENDE

    Roberta

    RispondiElimina
  16. Ciao. Sono un importatore di specialita' regionali da tutta italia. Importiamo da piccoli produttori e piccole fabbriche. Cerco varieta' specialissime di fagioli e legumi italiane da offrire ai nostri clienti in California. Se sei un piccolo produttore ti prego di contattarmi a johnblount7@gmail.com.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. complimenti!!! :) grazie alla tua attività dovresti avere molte varietà da mettere a disposizione sul sito. Hai già provveduto a fare inserire la tua lista semi?
      a presto
      ciao
      MAX

      Elimina
  17. Ciao ,ho letto da qualche parte che le piante di peperoncino di habanero non durano in vaso, ho' la prova che dopo un anno produce frutti e numerosi , spero piccanti, lo scorso anno non ha fatto niente, poi ho tenuto il vaso al riparo in serra e ,hopla' che crescita abbondante, l'unica pianta di 30 semi andati a bagno lo scorso anno.devo dire che sono contento-
    ma non si possono postare le foto?
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Tore
      e benvenuto tra le pagine di questo blog
      (penso tu sia Tore che ha scritto da poco alla posta del Blog, o mi sbaglio?).
      I peperoncini se ben riparati dal freddo dell'inverno produrranno meravigliosamente l'anno successivo, come giustamente hai sperimentato.

      Questo dimostra, e conferma ancora una volta, che quello che si legge non sempre corrisponde a verità. L'unica verità possibile è quella che sperimentiamo di volta in volta di persona.
      Questo blog nasce appunto per questo, perchè viene scritto da persone che realmentente sperimentano e producono sul campo.

      Per pubblicare le foto puoi mandarle alla posta del blog. Poi penserò io a pubblicarle. Se vuoi puoi anche farne una descrizione.

      Roberta

      Elimina
    2. grazie,seguio' il tuo consiglio

      Elimina
  18. Sono sicura di avere visto qui sul blog un articolo sul tetragonolobus, o pisello-asparago.
    Non lo trovo più, me lo sapete indicare?
    La mia piantina di tetragonolobus inizia a fare i boccioli e vorrei leggerlo.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia,
      si parlava del ginestrino purpureo nei commenti ad un post, appena mi ricordo quale te lo segnalo, ricordo che c'era anche Pat. Ho un post da pubblicare sul ginestrino ma sarei felice di lasciarlo a te! Che ne pensi?

      http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=1638

      Angelo

      Elimina
    2. Pare che oggi io non riesca a rispondere.
      Spero che non compaiano in ritardo i doppioni dei commenti, in caso cancellerò.
      Dicevo che possiamo entrambi scrivere i rispettivi post.
      Infatti la mia pianta è completamente diversa.
      Trattasi di Asparagus-pea, tetragonolobus, ma thailandese.
      Ecco le foto, dove cresce frammisto al grano saraceno, per cui non fatevi ingannare.
      http://www.fioridiaiadue.altervista.org/index.php?p=search&words=14_08_12_TETRAGONOLOBUS

      Elimina
    3. Ho dimenticato di riscrivere che i fiori sono di un bell'azzurro. In foto non rende, ma si capisce che non sono purpurei!

      Elimina
    4. Forse l'ho trovato:
      Psophocarpus tetragonolobus
      http://rwsphoto.blogspot.it/2010/08/four-angled-bean-flower.html
      http://welchwrite.com/agn/2013/04/01/interesting-plant-asparagus-pea-psophocarpus-tetragonolobus/#

      Elimina
    5. Caspita! Il mitico fagiolo di Goa! Cmplimenti Claudia, non è una pianta "facile", questo successo conferma la tua bravura di coltivatrice! Attendiamo il post.

      Angelo

      Elimina
    6. Grazie, sempre gentile!
      Spero che maturi qualche baccello. Boccioli ne ha una quantità incredibile, se non gli accade qualcosa di irrimediabile dovrebbe farcela. :-)

      Elimina
  19. Carissimi amici dell'orto volevo mettervi a conoscenza della possibilità di scambiarsi semi di varietà antiche di ortaggi, fiori, cereali fra diversi gruppi e realtà italiane che si svolge a Feltre in provincia di Belluno in Veneto il tutto organizzato dal gruppo coltivare condividendo che ha anche un blog. Io sicuramente ci sarò e spero di non essere il solo degli amicidell'orto2, potrebbe essere un occasione per conoscerci almeno con chi è più a nord che ne dite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo invito.
      Purtroppo siamo agli estremi della penisola.
      Raccontaci però
      sarà sicuramente interessante
      Ciao

      Elimina
    2. Non mancherò di raccontarvi come è andata, magari anche con qualche documento fotografico, io intanto ho parlato con Tiziano che amministra il blog e mi ha proposto un tavolo dove poter mettere a disposizione i semi e anche altro materiale degli amici dell'orto. Mi sa che farò io da ambasciatore del gruppo, ma spero di non essere il solo, comunque sarà un esperienza entusiasmante e chi volesse passare di la con i propri semi può farlo anche solo per qualche ora tanto è tutto autogestito e non serve rispettare tutto l'orario della manifestazione. Io vi aspetto!!!

      Elimina
    3. Bravo! Poi ci racconterai tutto.

      Elimina
    4. Ciao Moreno,

      Tiziano aveva inviato l'invito a partecipare all'evento, all'indirizzo di posta del blog. Io son troppo distante per poter partecipare, lo avrei fatto con piacere, ho fornito la mia disponibilità ad eventuali scambi via posta.

      So che ci sono parecchi Amici abitanti in paesi vicini, se possono/vogliono si uniranno a te, magari ci "scappa" il Gruppo Amicidellortodue in visita a Feltre...

      Facci sapere!
      Angelo

      Elimina
    5. Rinnovo l'invito a tutti gli amicidell'orto2 che abitano nel nord Italia che siamo stati invitati alla chiamata a raccolto del gruppo coltivare condividendo di Feltre dove potremmo conoscere altre realtà italiane ed estere e poter scambiare con loro le nostre sementi. Il mio indirizzo lo trovate nella lista dei semi del blog, fatevi vivi! Non vorrei essere il solo rappresentante!

      Elimina
    6. Io non ci sarò, mi dispiace, spero che non sarai solo!

      Elimina
    7. Purtroppo per noi "suddici" impossibile essere presenti peccato!!l l'Italia è lunga e le distanze di conseguenza.
      Come già scritto aspettiamo un tuo bel resoconto in fondo ci rappresenti un po' tutti.
      Ciao
      Liliana

      Elimina
    8. con buone probabilità ci sarò.

      Elimina
    9. Ringrazio honey 75 che ha mantenuto la parola e così eravamo in 2 ad esporre alla chiamata a raccolto 2014, è stato un successo inaspettato, migliaia di presenze, non ci siamo mai potuti muovere dalla nostra postazione ( neanche per mangiare o vedere gli altri cosa esponevano) comunque i nostri orti si sono arricchiti di un sacco di novità ma documenterò tutto con alcune foto tra qualche giorno

      Elimina
    10. Il ringraziamento è reciproco; è stato un vero piacere l'aver partecipato, esserci conosciuti di persona ed aver relazionato con tanta gente, davvero tanta, che ha affollato la manifestazione ed il nostro banchetto. Bravo Moreno che con la moltitudine di semi esposti ha catturato l'attenzione di una nutrita schiera di visitatori.
      Mi sono appena rifatto, con gli interessi, dal digiuno del mezzodì , ma sono più appesantito dal pensiero di trovare la collocazione per le nuove varietà scambiate che non dalla digestione; le lunghe sere invernali aiuteranno anche in questo, nel progetto di mettere a frutto ed a seme ciò che di nuovo si è ricevuto, per i futuri scambi.
      Resto in attesa di vedere le tue foto che io - pur armato di fotocamera - non sono riuscito a scattare.

      Elimina
    11. Bene che bello bravi.
      Sono certa che sia stata un'esperienza emozionante per voi orticoli e lo sarà anche per noi quando ci racconterete.
      Aspetto con curiosità foto e documentazione.
      Messaggio per Angelo
      ma perchè non proviamo a fare qualche cosa di simile anche qui?
      Liliana

      Elimina
    12. Grazie Moreno e Nerio! Ovviamente sono anche io ansioso di vedere le foto e leggere! Ebbè, pare che ci venga un bel post....

      Angelo

      Elimina
    13. Ciao Liliana,
      stai tranquilla, novità molto interessanti a breve!

      Angelo

      Elimina
    14. NOOOOOOOOOOOOOO!!! è un periodo che ho poco tempo, entro poco nel blog e mi è sfuggito il post di Moreno!
      indipendentemente da questo, mi ero organizzato per venirci a Feltre alla chiamata a raccolto del gruppo coltivare condividendo... poi alla fine è saltato tutto... vabbè sarà per la prossima volta.
      Grazie a Moreno ed a Nerio per aver condiviso l'esperienza con tutti e per le foto che verranno pubblicate!

      Elimina
    15. Caro Angelo bene!!
      Aspetto con curiosità.
      Liliana

      Elimina
  20. Rotazione Colture.
    Ciao a Tutti!
    Non sono riuscito a trovare nulla sulla rotazione delle colture. Nel Manuale Paolo mi sembra non ne abbia parlato.
    Che ne pensate? Osservando la natura le colture crescono più o meno sempre sullo stesso terreno. L'ortaggio va a seme e questi ricadono nelle vicinanze.
    Il testo: "La vita segreta delle piante" spiega come le piante elaborino il necessario per crescere trasformando l'energia che le circonda e non necessariamente "prendendola dal terreno". In un sistema di coltivazione naturale voi fate le rotazioni? Come?
    Grazie a tutti!
    Arnaldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può paragonare la natura alla coltivazione.
      In natura crescono solo le piante che vi trovano le loro condizioni ideali.
      Il loro scopo è produrre seme e far nascere nuove piante e solo occasionalmente le possiamo sfruttare a scopo alimentare.
      Noi coltiviamo piante in gran parte diverse da quelle presenti in natura.
      Pensa alle centinaia di varietà di lattughe e cicorie.
      Molte delle piante orticole lasciate a loro stesse entro pochi anni si estinguerebbero.
      Noi oltre a fornire a piante diverse lo stesso clima e terreno, non ci accontentiamo di farle vivere, ma vogliamo che ci siano utili, principalmente a scopo alimentare. ma anche in altri campi.
      Vogliamo foglie tenere e dolci, frutti grandi e succosi, produzioni abbondanti e continuative, e vogliamo coltivare le varietà che più ci piacciono.
      Per quanti accorgimenti possiamo prendere non otterremo mai una coltivazione del tutto naturale e spontanea.
      L'unico modo sarebbe quello di limitarsi a raccogliere erbe spontanee in un prato lasciato a se stesso.

      Io non riesco a fare rotazioni come da manuale. Coltivo in maggior parte cucurbitacee e solanacee, che non dovrebbero succedersi, inoltre ci sono zone che per certe varietà sono troppo ombreggiate, la serra non la posso spostare, lo spazio totale è limitato.
      Troppi fattori influiscono. Faccio quello che posso, almeno alternando la posizione di aglio e scalogno, che metto dove ho concimato in primavera, il resto cerco di alternare come posso.

      Elimina
    2. C'è poco da aggiungere a quanto scritto da Claudia. Io bado poco alle rotazioni poichè coltivo molto in maniera perma-sinergica (piante perenni ed annuali tutte assieme..), dove lascio andare a seme tutte le piante spontanee e quelle che semino io per "rinselvatichire" c'è bisogno di molto più lavoro per gestire il tutto!

      Angelo

      Elimina
    3. Angelo, quanto mi piacerebbe vedere le tue coltivazioni.
      Da te c'è solo da imparare.

      Elimina
    4. Claudia, mi fai arrossire...

      Se vieni dalle mie parti, sei la benvenuta!

      Invito esteso a tutti gli Amici che "passano" in zona!

      Angelo

      Elimina
    5. Claudia, non è prudente affrontare il viaggio da sola... non ti pare?
      quando andiamo? ;-)

      Elimina
    6. Eh, quando... Non sono andate nemmeno a Feltre, chissà quando riuscirò da andare da Angelo!
      Ti farò sapere! Grazie per la compagnia!

      Elimina
  21. Cerco anche io di coltivare un po' come Angelo,non certo come lui ,lui è veramente un mago è lo so per certo un uccellino me lo ha detto!!! Ivano naturalmente.
    E' veramente molto complicato perchè è difficile,come dice Angelo gestire il tutto.
    A volte decidi di lasciare andare a seme in un certo luogo ed il seme decide di andare dove vuole lui ecco la natura.
    Cercare di assecondarla la natura certo si,ma come dice giustamente Claudia noi coltiviamo non solo per diletto ma anche perchè ci siano utili e le erbe spontanee dei campi non sono sufficienti.
    Un minimo di rotazione,avendo lo spazio certamente,mi sembra utile sopratutto dopo piante voraci tipo cetrioli,cavoli,melanzane ecc...
    in alternativa una buona concimazione naturale può essere di aiuto.
    Caro Angelo,grano,olive ed altro permettendo,prima o poi arriverò anche io a trovarti.
    Liliana



    RispondiElimina
  22. Sono incappata qui https://play.google.com/store/books/details/Gaetano_Cantoni_Trattato_completo_di_agricoltura_c?id=Z4sCICp1pyEC&hl=it
    Questo trattato di agricoltura non è certo l'ultima novità ma per ora trovo gradevole leggerlo. Non so cosa ne penserò tra qualche centinaio di pagine.
    Se vi interessa, provate!

    RispondiElimina
  23. Ma che bella sorpresa è stata vedere oggi magister Angelo raccontare dei colori dei suoi orti di Puglia a Geo&Geo!
    Un meritato riconoscimento alla sua grande passione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Lo si può rivedere? Perché non ce lo hai detto prima?

      (Ma che bella sorpresa vedere un commento di Orto delle Piane!)

      Elimina
    2. @ Claudia: Non ve l'ho detto prima perché non lo sapevo che oggi guardando Geo&Geo ci sarebbe apparso un Angelo ...
      Ma per 7 giorni lo si potrà rivedere qui:
      http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2014-12-03&ch=3&v=447826&vd=2014-12-03&vc=3#
      dai minuti 1:27:50 ai minuti 1:32:47 , poi il servizio prosegue fino ai minuti 1:38:36 con altre meraviglie "pugliesi"

      Angelo ci aveva già raccontato qualcosa qui
      http://amicidellortodue.blogspot.it/2013_03_01_archive.html
      e nel filmato di Geo&geo ho subito riconosciuto la bellezza di quei muri in pietra

      Elimina
  24. Allora non mi sono sbagliato!! Oggi l'ho visto pure io però non avendolo mai conosciuto personalmente non ne ero sicuro. Che magnifici luoghi quelli decantati da Angelo, ma perché non hai fatto un post, almeno ci saremmo sintonizzati in tanti per godere delle tue meraviglie.

    RispondiElimina
  25. Giovanni, è davvero un piacere ritrovarti!!!

    Moreno, non mi piace mettermi in mostra, speravo che la cosa passasse inosservata...

    Per impegni precedenti, neanche io ho visto il filmato, sapevo della messa in onda ed ora sono ansioso di vedermi! Domani sarà possibile rivedere la puntata col servizio di Rai Replay, vi metto appena possibile il relativo link.

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo, siccome lo so che non ti piace metterti in mostra il link l'ho già messo io qui sopra ...
      Nella mia casa non potevi passare inosservato, appena è iniziato il servizio è risuonato acuto per le stanze l'urlo di Paola ... "c'è Angelo !!!" ...

      Elimina
    2. Angelo, non devi essere così modesto, ogni tanto puoi permetterti di metterti in mostra!
      Giovanni, grazie per il link.
      Per ora riesco a vedere solo la pubblicità, ma ci riprovo, non voglio perdermelo.

      Elimina
  26. Cavoli Angelo ha ragione Claudia!!
    Perchè non ce lo hai detto prima??
    Sarebbe stato veramente un grande piacere vederti.
    Non è questione di mettersi in mostra è didattica e sapere per noi e sono certa avrebbe fatto piacere a tutti.
    Alla prossima.
    Liliana

    RispondiElimina
  27. Complimenti Angelo!!!
    ma figurati se passavi inosservato...
    posti meravigliosi, esattamente come descritti nel tuo post "Elogio della Bellezza"
    In video... è ancora più suggestivo, complimenti davvero!!!

    RispondiElimina
  28. Ringrazio tutti per i complimenti e chiedo scusa per non avervi informato tempestivamente ma la notizia mi era arrivata nella mattinata, tramite un sms della gentilissima Gabriella Lasagni, la paziente ed "esigente" regista del filmato. Ringrazio anche lei, so che, quando può, una visitina al blog la fa!

    E grazie anche a Matteo, Pietro Santamaria e gli amici del progetto BiodiverSo.

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente sono riuscita a vedere il filmato.
      Bello! Che posto!

      Elimina
    2. Bernardo mi ha appena inviato, chiedendomi di condividerlo, il link che porta direttamente al servizio sulla Biodiversità della Puglia.
      Molto più comodo. Grazie a Bernardo.

      http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-43e7af82-f67e-43e2-ac2a-bc7b5b8d6c79.html#p=0


      Elimina
    3. angelo, è un po' che manco dal blog e cosa combini! ma che bello! E' stato un vero piacere vederti e sentirti. Hai dato lustro a tutti noi, bravo!!!

      Elimina
    4. Ciao Daniela,
      anche io purtroppo sono poco presente nel blog, forse mi sono impegnato per troppe cose da seguire... Ho la lista semi ferma al 2012, un centinaio di mail in attesa di risposta, altrettante richieste dei semi da soddisfare, mi chiamano per decine di iniziative verdi, in Puglia e non solo, non ho il tempo necessario per comunicare con gli Amici più vicini, quelli della prima ora, come te...


      Ma riuscirò a fare tutto, non rinuncerò a nessuna delle iniziative intraprese, ad iniziare dal nostro blog!

      Il contatore delle visite è vicino al milione di letture, anche se noi non miriamo al "successo", Paolo sarebbe orgoglioso del nostro lavoro!

      Angelo

      Elimina
    5. Grazie Angelo per la tua amicizia, ci tengo molto. Paolo sarebbe orgoglioso, si! Il successo del blog comunque è più che meritato. Non è necessario sentirsi frequentemente, io ad esempio so che se avrò bisogno di te ci sarai sempre!
      ciao a presto daniela

      Elimina
  29. AUGURI A TUTTI GLI AMICI DELL'ORTO
    LILIANA

    RispondiElimina
  30. Anche da parte mia tanti cari auguri a tutti gli Amicidellortodue.
    Franca

    RispondiElimina
  31. Auguri a tutti gli Amici!

    Angelo

    RispondiElimina
  32. Grazie a tutti, ricambio gli auguri!

    RispondiElimina
  33. Sereno Natale in armonia con le persone amate.

    RispondiElimina
  34. Anche da parte mia tanti auguri a tutti!

    RispondiElimina
  35. Buone Feste a tutti gli amici d'orto!!!
    intanto qui in Veneto è arrivata la neve ed il gelo!!!

    RispondiElimina
  36. Tanti Auguri verdi a tutti gli Amici!

    RispondiElimina
  37. Ciao a tutti , mi presento anche se qualcuno mi conosce gia' !! Sono Laura e abito nella provincia di Genova , coltivo per passione e per passione mi sono avvicinata alla coltivazione di piante non 'solite' oppure semi antichi mai passati dal commercio . Ho iniziato 7 anni fa' all inizio con molto entusiasmo ma piano piano tutto è andato scemando , purtroppo il mio terreno 10m x 10m si trova in una zona infelice dietro alle case , ho problemi di umidita' e riesco a coltivare solo i 4 mesi d'estate . Nonostante questo non l'ho mai abbandonato , adesso ho trovato in comodato d'uso un grande terreno in zona soleggiata ed accanto ad un fiume e l' entusiasmo è di nuovo a mille . Sono partita da questo blog e qui sono di nuovo tornata :) Angelo chissa' se ricordi quanti semi abbiamo scambiato , di tuo ho ancora le patate Ratte e Vitellotte , quasi le tengo solo per vederle li' in terra , ne mangio poche , pero' confido nel nuovo terreno per cercare di produrne di piu' . Ora devo leggere molto , ho moltissimi semi di cui devo ricavare solo semi e poi vorrei tornare in lista per lo scambio . Presto mi vedrete commentare cio' che riusciro' a leggere , perchè per ora pulisco il terreno e leggo tutti i consigli utili :) a presto e felice di essere nuovamente con voi .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Congratulazioni per il nuovo terreno!
      Buon lavoro, e torna presto a farci vedere cosa coltiverai

      Elimina
    2. Bentornata Laura,

      è bello sapere che sei tornata "operativa" e con ottime intenzioni orticole! Se hai tanto terreno disponibile non esitare a chiedere semi, mi raccomando!

      Buon lavoro!
      Angelo

      Elimina
    3. Salve a tutti,
      mi presento, sperando che sia il posto giusto!
      Mi chiamo Paolo, sono salentino, e l'estate scorsa ho iniziato ad appassionarmi a questo intrigante mondo che è la coltivazione dell'orto. Mi appoggio su un pezzo di terra di mio padre, e faccio tutto o quasi insieme a mio figlio (7 anni), che si diverte un mondo a seminare, innaffiare e soprattutto raccogliere!
      Mi sono imbattuto per caso in questo spazio, e vedo che c'è tanta roba da leggere.
      Vedo anche che è possibile richiedere/scambiare semi, penso proprio che lo farò, anche se oltre ai semi mi servono soprattutto consigli!

      Elimina
    4. Paolo, benvenuto!
      Chiedi pure tutto quello che vuoi. Non sappiamo tutto, ma siamo in tanti, ci possiamo provare.
      Ti mando un disegno da colorare per tuo figlio
      http://mondobimbo.altervista.org/caillou-disegni-da-colorare/11737

      Elimina
    5. Dimenticavo! Visto che sei del Salento, sei per caso stato domenica scorsa alla SAGRA DELLA PESTANACA giallo-viola di Sant'Ippazio?
      Mi hanno detto che è stato molto bello, e non c'erano solo carote.

      Elimina
    6. Si Claudia è stato come sempre molto bello.
      A Tiggiano vicino a Leuca tempo pessimo.
      SANTU PATI come lo chiamano in loco non c'erano solo le famose carote
      ma anche le giuggiole ed altro.
      Liliana

      Elimina
    7. Liliana, non ti va di raccontarci per bene? La mia amica che ci è stata ne ha parlato molto bene, ma è troppo timida per scrivere un resoconto per gli Amici dell'orto

      Elimina
    8. Benvenuto Paolo,
      gli Amici sono felici di aiutarsi a vicenda!

      Angelo

      Elimina
  38. Buona sera,
    siamo dei ragazzi di Carosino (Ta) e vorremmo avviare un orto condiviso.
    Abbiamo poca esperienza ma abbiamo capito che e' importante iniziare con la ricerca dei semi.
    Stiamo cercando delle varieta' locali.
    Quali sono le specie orticole tipiche della nostra zone?
    Attualmente noi abbiamo solo il pomodoro di Manduria .
    Come.facciamo a trovarle?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti per l'ottima iniziativa. Io non ho semi della tua zona da scambiare ma vi faccio tanti auguri per il vostro nuovo orto

      Elimina
    2. Buonasera ragazzi,
      spero che la ricerca dei semi sia fruttuosa ed abbia successo, nel caso io ed altri Amici siamo sempre disponibili!

      Siete sicuramente gli scriventi di una mail che ho ricevuto ieri, non temete e scusate il ritardo nella risposta ma stasera sono "cotto" e non vedo l'ora di andare a dormire...

      Angelo

      Elimina
  39. Ciao Paolo,
    leggo che sei salentino, anche io vivo in Salento terra magnifica
    ho visto che sei in provincia di lecce ma dove?
    Se non siamo molto lontani potremo aiutarci e scambiare semi.
    Liliana

    RispondiElimina
  40. Grazie Claudia per l'invito mi sento onorata,ma anche io sono un po' come la tua amica.
    Ci penso e farò sapere.
    Liliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Liliana, iniziamo con Tiggiano e poi magari si continua nei tuoi orti e gli orti degli amici!

      Angelo

      Elimina
    2. Giusto, Angelo!
      Ma tutte amiche timide abbiamo?
      (se non ti senti non fa niente)

      Elimina
    3. Beh Claudia, quelle che ho conosciuto sono amiche "toste", magari sono solamente troppo impegnate in tante attività (orto, lavoro, compagni/mariti, famiglia, ecc ecc.) e temono di complicarsi la vita...

      Ma noi proviamo a pungolarle un pò, giusto?

      Angelo

      Elimina
  41. Salve a tutti, e grazie per il benvenuto.
    Liliana, io sono di Maglie, e tu?
    Claudia, grazie per il disegno, ne stampo un paio di copie, così faccio colorare anche la piccina :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Paolo noi viviamo nell'agro di Cutrofiano!!
      Vicinissimi quindi.
      Ciao ai prossimi incontri.
      Liliana

      Elimina
  42. Un saluto a tutti! Ritorno a scrivere dopo qualche anno passato a leggervi, salvare pagine e scambiare semi e dopo avere mandato un sacco di domande via mail ad alcuni di voi. Spero di poter dare in futuro un piccolo contributo al blog, nei limiti delle mie (scarse) possibilità e conoscenze. Ritornando al blog, ringrazio e saluto in particolare: Angelo, per tutto; Giovanni (Orto delle Piane) per avermi insegnato a potare; Claudia per la gentilezza e i fiori e i bulbi di novembre; Giuseppe per i consigli sui caroselli in vaso. Un caro ricordo a Paolo, il primo che disturbai con le mie domande. A presto e buona coltivazione!
    Parrafo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai poi coltivato i caroselli in vaso? Ciao.
      -Giuseppe-

      Elimina
    2. Sì, li ho coltivati, ma senza avvicinare neppure lontanamente i tuoi risultati... Due o tre caroselli per pianta (una pianta per vaso) riesco ad averli senza difficoltà, anche di buona pezzatura, perché li lascio sulla pianta più di quanto probabilmente dovrei, ma non di più di tre. In vaso ho coltivato il barattiere, il Polignano e spuredda bianca leccese, e anche quelli coltivati nel terreno libero non producono molto di più. Uso comunque anche in vaso il terreno dell'orto, anche se ben concimato.

      Elimina
  43. Dove conservarte i vostri semi? è meglio un luogo più freddo ma più umido o un luogo sui 20 gradi con una umidità minore (40-50%)? Li conservate tutti nello stesso posto o le varie famiglie hanno esigenze diverse?
    Ogni anno, quando inizio con i semenzai, mi pongo questo problema.
    Anche l'anno scorso ho fatto molta fatica a far germinare i semi di peperone e ho dovuto scartare quelli vecchi di due anni, è normale che perdano così velocemente la germinabilità?
    grazie
    Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! So che certi semi vanno conservati in modo particolare.
      Finora ho interrato immediatamente i semi di prugna e mirabolano, che dovevo dare a una mia amica ma non la potevo incontrare subito, così le ho dato le piantine.
      So che i semi di Belamcanda chinensis non vanno fatti seccare completamente, ma conservati leggermente inumiditi.
      I semi di fiori e di verdura li conservo nella mia "stanza dei semi" che era la cucina di mia nonna. Non accendo il riscaldamento, ma alcune delle altre stanze sono leggermente riscaldate.
      Ho notato anche io un certo deterioramento dei semi.
      L'anno scorso e quest'anno non ho avuto peperoni. Ora non so nemmeno se seminarne altri, penso che ormai per i peperoni sia tardi.
      Melanzane mi sono nati solo i 6 semi che ho ricevuto quest'anno.
      Sto seminando adesso anche molti semi per cui sarebbe presto, proprio perché dubito che siano ancora vitali.
      Così mi porto avanti e se non nascerà nulla sarò ancora in tempo per rimediare.
      Sono sempre molto parsimoniosa nell'uso dei semi, soprattutto quelli più particolari
      Se mi servono 3 piante semino 3. massimo 4 semi, così alla fine gli avanzi deperiscono.
      Se invece si tratta di semi cui non tengo particolarmente, oppure facilmente acquistabili, o ancora di semi che ritengo non nasceranno li semino in abbondanza.
      Quest'ultimo è stato il caso del crescione. Avevo cercato di coltivarlo per tutta l'infanzia e mai me ne era spuntata nemmeno una piantina. Che fosse colpa dei semi vecchi chi mi regalò lo zio?
      Perché la mia non era fissazione per il crescione, seminavo quello che avevo e lo zio mi aveva regalato un sacchetto pieno di bustine di semi di crescione...
      Bene, ho ricevuto dei semi di crescione, ho deciso che non sarebbero nati e li ho seminati molto fitti. Sono nati tutti.

      Mia mamma li conserva nel "locale caldaia" che è ancora più freddo, sui 12 gradi.
      Forse si conservano di più i suoi.

      Elimina
    2. mi sono dimenticati di scrivere che i semi li tengo:
      - in buste di carta fatte con fogli da stampante riciclati e a volte le buste le metto in contenitori di vetro, tipo quelli della marmellata o del miele
      - se i semi sono tanti li metto solo nei contenitori di vetro (niente buste di carta)
      - i semi delle leguminose li tengo in scatole di cartone

      sbaglio qualcosa?

      Elimina
    3. I miei semi li conservo nella cantina interrata con le bocche di lupo sempre aperte seppur schermate da un pannello in cartone perchè entri poca luce; temperatura minima in inverno +2°C, massima d'estate 22°C.
      I semi, ben essiccati al modesto tepore del locale centrale termica, li conservo in vasetti di vetro o plastica e buste di plastica con cerniera che poi ripongo in un capiente vaso di vetro e, per quanto possibile ben isolati dall'umidità ambientale che qui in pianura padana la fa da padrona; tutti contenitori trasparenti per non dover aprire il contenitore, esponendo il contenuto, per vedere cosa c'è dentro.
      La durata dei semi si mantiene sopra alle medie delle tabelle comunemente reperibili, a volte riesce a stupirmi.

      Per quel che riguarda la mia modesta esperienza, la durabilità viene compromessa dalle alte temperature e dall'eccessiva umidità.

      Se un giorno dovessi sentirne la necessità, conserverei i semi in un piccolo frigorifero alla temperatura prossima allo zero.

      Elimina
    4. Per la conservazione dei semi occorre distinguere tra quella "a breve termine" e quella "a lungo termine", quest'ulima è riservata alle vere banche dei semi, non dovrebbe essere fatta da semplici ortolani o appassionati. I semi da riutilizzare per le proprie semine e quelli da scambiare non devono superare i due anni (esempio, le cipolle) o tre ma, per esperienza mia, tenuti al meglio rimangono vitali anche per 5 anni e più. i semi vanno fatti asciugare molto bene, messi sempre in buste di carta o sacchi di tessuto naturale. L'uso di barattoli di vetro va evitato, può essere controproducente, favorendo la schiusa delle uova dei parassiti. Almeno, prima di metterli nei barattoli, i semi imbustateli in sacchetti di carta.

      Io tengo le bustine coi semi in casa, nel ripostiglio senza riscaldamento e... dietro i miei libri, dove sono al sicuro contro il vero nemico, l'eccessiva umidità, la temperatura è meno importante.

      Geppe, è anomalo che i semi di peperoni perdano così presto la germinabilità, normale invece il lungo periodo occorrente per germogliare di melanzane, peperone e simili.

      Angelo

      Elimina
    5. mi sono dimenticato di dire che la maggior parte dei semi, prima di immagazzinarli, li metto nel congelatore per alcuni giorni per distruggere eventuali parassiti ed uova.

      Elimina
  44. ... due "amiche dell'orto" si raccontano ...

    https://www.youtube.com/watch?v=o3p_SgrxocM#t=13

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per averci fatto conoscere queste nostre Amichedellortodue!

      Angelo

      Elimina
  45. ... un amico dell'orto si racconta ...

    dal minuto 11:30 al minuto 13:38 e a seguire fino al minuto 16:30

    http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2015-03-14&ch=1&v=489379&vd=2015-03-14&vc=1#day=2015-03-14&ch=1&v=489379&vd=2015-03-14&vc=1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Geo! Belle le "bruttemabuone" mele dei Walser!

      Angelo

      Elimina
    2. caro Giovanni, mi spiace molto non avere visto il video, che da tempo sembra non essere più a quell'indirizzo. Magari, se l'hai salvato, potresti caricarlo su youtube, dove resterebbe in forma stabile?
      Sembra che non riesca a contattarti via mail: hai ricevuto le marze?
      ciao

      Elimina
    3. Ciao Bernardo,
      il filmato puoi vederlo qui:

      http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-567f5f6e-2a12-4651-ba20-a391cf9de1f2.html

      Angelo

      Elimina
  46. Cenere nell'orto: è vero che va setacciata?
    E' vero che qualche pezzetto di carbone crea problemi?
    Non per niente: setacciare la cenere fa polvere, e in questi giorni c'è anche vento.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia,

      io non setaccio la cenere e non ho avuto mai problemi!

      Angelo

      Elimina
    2. Oggi l'ho usata e senza setacciare.
      Cerco di non ascoltare i commenti di chi ha più esperienza, ma mi lasciano sempre una certa perplessità. Grazie.

      Elimina
    3. Alcune culture agricole considerano la carbonella vegetale un ottimo ammendante, vedi per esempio la "terra preta" amazzonica
      http://it.wikipedia.org/wiki/Terra_preta

      Ne parlano anche gli amici bionieri
      http://bionieri.ning.com/page/biochar-e-terra-preta

      Nelle nostre montagne tradizionalmente usiamo spolverare con la cenere della amata stufa a legna la neve che a primavera persiste sui campi , per promuovere e anticiparne lo scioglimento, dove vogliamo anticipare le semine.

      E abbiamo sempre ritenuto che restituire alla terra ciò che dalla terra è venuto fosse un corretto comportamento apportatore di preziosi elementi minerali.

      Non ci preoccupiamo di setacciarla, nell'idea che qualche residuo di chiodo di ferro arrugginito o residuo di carbonella costituiscano comunque elementi utili alla fertilità del terreno.

      A parer mio è bene ascoltare le opinioni di chi ha esperienza del fare, comunque da vagliare con un giusto senso critico, per non confondere verità e preconcetti che talvolta si possono mescolare un poco in tutte le sapienze.

      Quindi in questo caso forse più che setacciare la cenere è caso di vagliare la critica ...

      Elimina
    4. Rispondo qui ad Angelo e Giovanni.
      Grazie. La vostra saggezza mi conforta e mi incoraggia.

      Elimina
  47. La uso da anni senza setacciare e prima di me i miei nonni, nel letto di semina delle cipolle, per es., mai riscontrati problemi.
    Ho letto anche io che i pezzetti di carbone creerebbero problemi. Credo che i problemi possano insorgere solo in presenza di quantità rilevanti di carbone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      E' che qui da me tutti hanno l'abitudine di criticarmi, perché sono bravi solo loro. Poi, come ho scritto ieri notte, l'ho usata ugualmente senza setacciare, ma lo dicono con una tale sicurezza che a volte mi viene il dubbio. Hanno 80 anni, hanno sempre coltivato, cosa ne so io?
      ... per fortuna gli Amici dell'orto mi soccorrono sempre.

      Un'altra storiella per illustrare quanto mi considerano incapace? L'altro giorno ero lì a vangare e trapiantare e mi dicono: "ah, tua mamma ha già trapiantato tutto, che brava!"
      Ma se stai vedendo che lo sto facendo io...
      Se devono criticare criticano me, se devono fare complimenti li fanno a mia mamma.

      Altra storiella? Avevo trapiantato una quantità di bellissime piante di pomdoro. Arriva uno dei saccenti e mi dice che fanno pena, di toglierle e sostituirle con 6 di quelle comperate. Saranno state 120 piante. Io gli illustro le buone qualità delle mie varietà, che non hanno niente a che vedere con quelle acquistate, e lui non fa altro che deridere e criticare.
      Nei giorni seguenti continuo a trapiantare le mie piantine ma a un certo punto non ho proprio più spazio e ho ancora tante piantine avanzate.
      Ovviamente trapiantavo prima quelle più belle e robuste e queste avanzate erano proprio piccine.
      Mia mamma gliele ha offerte (io a malincuore le avrei buttate, gli facevano pena quelle più belle, gli offro quelle di scarto?)
      Ebbene, le ha prese al volo! Non riporto il modo di dire che si usa dalle nostre parti per indicare chi è contento all'inverosimile, perché alcuni potrebbero ritenerlo non particolarmente fine. Diciamo che nonostante i problemi alle anche e l'età faceva salti di gioia. :-D

      Elimina
    2. L'invidia è una gran brutta bestia!!

      Elimina
    3. Eh sì! Per fortuna ci siamo noi Amici dell'orto!

      Elimina
    4. "Chi fa, fa! Chi non fa, critica!"

      "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa."

      Brava Claudia!

      Angelo

      Elimina
  48. Claudia vai avanti per le tua strada almeno se sbaglierai potrai rammaricarti solo con te stessa ma mi sembra che tu non stia sbagliando .
    Coraggio forza e via dritta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, guarda! di solito dico sempre che so sbagliare benissimo da sola, anche senza che nessuno mi aiuti... ma questi i consigli me li danno gratis, senza nemmeno far la fatica di chiedere.
      Grazie anche a te!

      Elimina
  49. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono dell'alta padovana, ma non li conosco, almeno con quel nome.
      E il seme come si presenta (forma, dimensione, colorazione)?

      Elimina
    2. Su internet come fagiolo dell'olio ho trovato il fagiolo ballin di Genova.
      http://prono.provincia.genova.it/notizia.asp?IDNotizia=2532

      Elimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La val Belluna è famosa per i fagioli gialet.
      Questa dei fagioli dell'olio sarà una coltivazione ancora più ristretta.

      Non li vendono sotto forma di fagioli, secchi o freschi? li mangiano solo in loco? altrimenti ne acquisiti alcuni a scopo alimentare e li semini. Una piccola coltivazione per uso personale non rovinerà il loro commercio e hai l'attenuante che fino a 10 anni fa venivano coltivati anche nei Colli Euganei.

      Elimina
  51. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero c'è una legge che vieta il commercio delle sementi in via di estinzione ?
      Il rischio di estinzione si combatte favorendo la riproduzione !

      Penso che le ragioni siano altre.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ciao Eugenio,
      non esistono leggi che vietino il commercio di semi in via d'estinzione, come giustamente scrive Nerio, i semi si salvano coltivandoli, anche "ex-situ" se necessario!

      E, come ho sempre detto, se non si possono vendere si possono sempre regalare!

      Prova a ricontattare il gruppo che hai citato, magari al loro blog, se ne hanno disponibili non dovrebbero negarti qualche seme.

      Se riesci a scrivere una scheda di informazioni su questo fagiolo, (baccello giallo? Seme color bianco paglierino o nero?) forse posso aiutarti io.

      Angelo

      Elimina
    4. Ciao Angelo,
      dalle informazioni che ho il fagiolo è nano, sgranabile, il baccello è di color giallo, il seme è di color bianco paglierino.

      Probabilmente "fagiolo dell'olio" non è il suo vero nome, ma da noi è conosciuto con questo nome. Forse è il Gialét della Val Belluna.

      Non sò se qui si può scrivere un indirizzo email;. Ti vorrei far vedere cosa mi aveva risposto la presidente dell'associazione.

      Fammi sapere come posso fare.

      Eugenio

      Elimina
    5. Ciao Eugenio

      ho un fagiolo che corrisponde alle descrizioni, però è rampicante, non è quello che cerchi. Forse il nome comune è dovuto al colore del baccello o del seme, ma è solo un ipotesi.

      Se si tratta del Gialèt sono abbastanza perplesso, magari non è un fagiolo comune ma neanche una rarità, stando a quello che leggiamo qui:

      http://www.fondazioneslowfood.it/presidi-italia/dettaglio/3536/fagiolo-gi%C3%A0let-della-val-belluna#.VShBL5PdV1M

      Si parla di "rischio di erosione genetica" non di pericolo di estinzione! Ci sono molti produttori, nella lista è presente anche Tiziano Fantinel di ColtivarCondividendo, potresti contattarlo.

      Gli indirizzi di e-mail dovrebbero essere al sicuro dagli spider ma prudentemente scriviamoli con gli spazi che poi elimineremo, ad esempio il mio:

      angelop_ 2009 @ libero .it

      Angelo

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Ciao Eugenio,

      mail ricevuta, ti ho appena risposto.

      Angelo

      Elimina
  52. Ciao a tutti gli amici dell'orto,
    Ho ricevuto, tramite scambio, dei semi di zucca da olio della Stiria che trovo molto interessante per i suoi semi gustosi e senza buccia.
    Le piantine sono già spuntate e fra non molto le dovrò trapiantare nell'orto.
    Ho un dubbio che spero mi possiate chiarire.
    Se trapianto queste piantine vicino a delle zucche Butternut, delle quali quest'anno vorrei raccogliere la semente, c'è il rischio che le due varietà si incrocino?
    Tempo fa avevo letto che se i semi di 2 varietà di zucche hanno forme diverse non c'è il rischio che si incrocino fra loro.
    Qualcuno di voi con più esperienza di me me lo può confermare?
    Un caro saluto a tutti,
    Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La butternut è una moschata.
      La Styriana a quanto ho letto dev'essere una cucurbita pepo.
      L'ibridazione tra la moschata e la pepo è piuttosto rara.
      Correggetemi se sbaglio.

      Elimina
    2. Esatto Claudia non sbagli non ci dovrebbero quindi essere grossi problemi!

      Elimina
    3. Grazie Claudia e Moreno,
      allora quando sarà ora ne trapianterò qualche esemplare nella terrazza sotto casa in pieno sole.Se la stagione sarà favorevole conto di fare un po' di scorta di semi di entrambe le varietà e se qualcuno sarà interessato potrà richiedermeli.
      Buon orto,
      Bruna

      Elimina
    4. Se posso dare un consiglio a Bruna, le zucche non vanno in pieno sole, ma a mezz'ombra. Lo dico per esperienza diretta di coltivazione da tanti anni. Hanno bisogno di molta acqua e un po' di concime abbastanza bilanciato; l'ideale sarebbe usare quello idrosolubile (un grammo per litro di acqua), darne poco e una volta alla settimana.

      Eugenio

      Elimina
    5. E' difficile dare consigli validi se non si abita nello stesso posto... Io dico sempre che occorre provare di persona, senza dimenticare che ciò che apprendiamo dalle nostre esperienze vale per la zona in cui coltiviamo.

      Io non do mai concimi (raramente compost tea, spero che il concime idrosolubile di Eugenio sia quello organico e non quello chimico! )alle piante esigenti come le zucche, preferisco piantarle sopra buche scavate per tempo e poi riempite di scarti organici coperte di terra, sotto la chioma di un albero che eviterà che le zucche prendano il sole nelle ore più calde, la grande superficie fogliare perde troppa acqua per traspirazione. Se Bruna riscontra problemi di malattie fungine sia pronta per le opportune contromisure!

      Angelo

      Elimina
    6. Io metto un po' di compost all'impianto, poi non metto altro.
      Anche per le altre coltivazioni, niente altro. Una volta facevo del macerto di ortica, di equiseto o compost tea, ma ora non ho più ortiche ed equiseto. Il compost tea potrei farlo. Se riuscirò lo farò.

      Le mie zucche sono al sole, solo in parte ombreggiate dal fico.
      Le foglie appassiscono, ma poi si riprendono.

      Elimina
    7. In effetti le mie zucche le coltivo in un giardino vicino al lago proprio ai piedi del monte Brione e lì sono protette dall’ombra di alcuni alberi e comunque dal monte, dietro il quale il sole tramonta prima.
      Coltivo diverse varietà che inevitabilmente si incrociano.
      Pensavo di alternare di anno in anno la coltivazione di una o due varietà da seme nell’orto di casa.
      Qui però non ho spazio sotto gli alberi da frutto.
      Abbiamo un’ottima esposizione a sud/est che forse, senza ombra, sarà troppa per le zucche…. .
      Posso installare l’irrigazione a goccia che mantenga almeno il terreno fresco e umido fino al periodo di maturazione dei frutti, poi le lascerò andare…..
      Io concimo solo con dell’umus di lombrico e poi pacciamo bene il terreno.

      Rifletterò ancora un po’ su possibili alternative, e intanto avrei un altro aiuto da chiedere al gruppo:

      Finalmente ho trovato la ricetta per fare il Miso che, assieme al Tamari, noi usiamo molto in cucina.
      Non riesco però a trovare della soia gialla che mi soddisfi fra tutte quelle acquistate nei vari negozi bio.
      Sono certa che in Italia ci sono dei produttori bio, ma non riesco a trovarli con internet.
      Scartando la zona della Pianura Padana, c’è qualcuno di voi che abita vicino o che conosce un contadino che coltiva soia gialla bio?
      ne servirebbero circa 20 Kg e non ho proprio il posto per coltivarmela. In realtà non so neanche che resa abbia per mq…..
      Qualcuno può aiutarmi? Se riuscirò nel mio intento, e se a qualcuno di voi potrà interessare, prometto di documentare tutto il procedimento con foto e condividerle con voi.
      Un caro saluto,
      Bruna

      Elimina
  53. Ciao q tutti. Alcuni miei amici inglesi si chiedevano se si potevano consociare fagioli e pomodori insieme. Io mi ricordo che angelo o qualcun'altro consiglio di trapiantare 2piante di pomodori e con dei fagioli in modero da aiutarsi nella crescita. Vorrei sapere di più a riguardo se è possibile con qualsiasi pomodori e fagioli. Grazie
    Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché è sparito il mio commento?....


      Io sto facendo un esperimento simile.
      L'idea nacque quando Axel mi offrì dei semi di girasole mammouth: piante così forti e robuste da fungere da sostegno ai pomodori.
      Pensai che aggiungendo alla combinazione anche dei legumi avrei fornito azoto e i legumi avrebbero legato il pomodoro al girasole.

      L'esperimento è così costituito:
      Da un lato dell'aiuola ho messo tre postazioni, piuttosto distanti tra loro, composte da 1 girasole, un pomodoro, e alcuni fagioli Lima. Tra queste ci sono alcune piante di lattuga, messe lì per non buttarle, ma si trovano bene, anzi meglio che nell'aiuola a loro dedicata.

      Sull'altro lato dell'aiuola ho messo delle combinazioni di fagioli lazy housewife con girasole, molto più fitte. (senza pomodoro)

      In questa foto si intravede il tutto
      http://tinyurl.com/ncwfokg

      Per ora i girasoli svettano.
      Il resto pare sano e felice, ma i fagioli vanno un po' dove vogliono e non stanno legando i pomodori al girasole.
      Da questo esperimento non sapremo se il girasole sarà sufficientemente robusto da sorreggere il tutto perché non ho avuto il permesso di evitare i soliti paletti di legno.

      Al momento la stagione non consente di fare previsioni riguardo la produttività della combinazione rispetto a piante equivalenti coltivate singolarmente.

      Elimina
    2. Ciao Enrico,
      che piacere risentirti! Lo so che sei molto impegnato... Complimenti per i tuoi successi lavorativi e per la bella famigliola!

      Ricordo di aver scritto qualcosa in un commento, quando e dove ora mi sfugge.. Consiglio sempre di consociare più piante possibile, non badate alle distanze come invece consigliano. Ovviamente metterete la canne per sorreggere le piante rampicanti, per le varietà nane (fagioli, fagiolini, ecc.) ed i pomodori a crescita determinate non occorre.Non dimenticate anche tante lattughe, spinaci, ecc. a mò di pacciamatura!

      Interessanti le prove di coltivazione di Claudia!

      Angelo

      Elimina
    3. Sì anche io non lo trovo. Cmq ho ricevuto un altro terreno comunale ma questo molto più grande quindi più spazio a disposizione per le. Colture. Cmq Sia lo spazio e limitato quindi pianto tutto più vicino. Spero di ritornare utile al gruppo presto in quanto ho alcune varietà di pomodori per il gruppo. Se la stagione migliora e riesco ad ottenere ottimi frutti c'è ne s'erano semi per tutti (qui.ci sono ancora temperature di 3/4 gradi di notte)

      Elimina
  54. ... io ho firmato ...
    https://www.avaaz.org/it/monsanto_dont_silence_science_loc_eu/?fpla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, ma non sono ottimista in proposito.

      Elimina
    2. ... dai Claudia, ha firmato anche Putin ...

      Elimina
    3. Bene!
      ho firmato subito, prima di sapere di Putin, ma ugualmente ho poca fiducia nel potere delle nostre firme su questioni di questo genere,

      Elimina
  55. Un mio cugino ha raccolto 5 zucche a mio parere decisamente acerbe, per timore che gliele rubassero. Mi ha mandato una foto di una e mi pare una butternut.
    Se sapere la varietà è importante gli posso chiedere se la conosce.
    La zucca è striata di giallo e verde e il picciolo è turgido e completamente verde.
    A me pare in quello stadio in cui non sono più buone da usare come zucchine e non sono ancora buone da usare come zucche. (Ammesso che la butternut sia buona immatura, non saprei)

    Vorrebbe sapere il modo migliore per terminare la maturazione e conservarle al meglio.
    Chi gli dice di metterla in cantina e a breve sarà matura, chi gli dice di metterla al sole sul balcone, che entro un mese sarà matura.

    Io sono pessimista e gli ho detto di metterne alcune lì e alcune là ma senza dargli speranza.
    Voi mi sapete dare consigli in proposito?
    Grazie!

    RispondiElimina
  56. Vi segnalo la lista semi aggiornata da Felice Garofalo.

    Buono scambio dei semi!

    Angelo

    RispondiElimina
  57. Buon giorno a tutti. Vivo ad Ascoli Piceno, ho 50 mq di terra sotto casa e cerco di divertirmi mangiando cose genuine. la differenza tra la zappa e la vanga l'ho imparata quando ci ho messo il piede sopra, però la natura sa quello che deve fare ed io vengo mangiando qualche pomodoro, cetriolo, zucchina e melanzana di mia ......produzione (che parolona)

    RispondiElimina
  58. Buonanotte a tutti, mi chiamo Andrea, ho 30 anni, e vi scrivo dalla Sardegna! da qualche settimana anche io ho iniziato a seminare di tutto.... cercavo notizie su piante "strane" che vorrei comprare in seme... vorrei piantare cose diverse dalla solita agricoltura tradizionale (a quella ci penserà mio papà che appena vedrà qualche anguria gialla piuttosto che dei pomodori neri dell'afghanistan mi diserederà, ma vabbè me la rischio :) ), sono arrivato qui con una ricerca sul melone armeno... ma ora non riesco più a staccarmi da questi articoli, è un sito pazzesco con chicche della natura che non avrei immaginato nemmeno vivendo 100 vite diverse.... mi sento (e sono) di un'ignoranza clamorosa... vi invidio :) vorrei visitare l'orto del signor Angelo perchè credo che nasconda tante altre chicche imperdibili, magari dandogli una mano a tagliare via qualche erbaccia mentre racconta chissà quale segreto della natura :) scherzi a parte ma con immutata stima Vi do la buonanotte, anzi ormai direi il buongiorno, da qui a finire di ficcanasare dappertutto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto!
      Che bello ritrovare tanto entusiasmo in un nuovo Amico dell'orto.
      Quest'anno non ho varietà speciali o particolari, ma se ti interessa qualcosa la mia lista semi è in fondo alla discussione sul "cerco e offro semi". Proprio in fondo in fondo, devi fare diverse volte "carica altro",
      Lo scambio segue sempre le regole generali.
      Ciao e buona coltivazione!

      Elimina
    2. Cara Claudia ti ringrazio per la gentilezza :) io purtroppo per motivi di salute (non tanto gravi, solo la tiroide impazzita) ho iniziato da pochi giorni prendendo un paio di bustine di semi in negozio... ravanelli, carote, rucola... cosine cosi, senza tante pretese... proprio oggi ho visto i primi germoglietti! *_*
      Purtroppo quindi proprio per questo ho veramente poco da poter offrire, anzi sarebbe meglio dire direttamente niente... mi hanno sempre insegnato che prima si da, poi eventualmente si pensa se è il caso di ricevere :)

      Piuttosto anche se ci vogliono anni per arrivare a produzione sono intenzionato ad andare alla ricerca di semi di asparago selvatico; quando saranno giunte a maturazione invece corbezzolo e giuggola... avrò tantissimi tipi di peperoncino (che tra l'altro non posso mangiare), frutti e pomodori stranieri e addirittura delle piante carnivore che non so quanto siano da orto.. forse più da "orto giardino"... e tutti i tipi di seme che sto comprando, sperando che non siano fregature >.<
      Però uno sguardo ce lo butto, grazie mille!!

      Elimina
    3. Il regolamento degli scambi cui mi riferisco lo trovi all'inizio della pagina "Lista dei semi"
      http://amicidellortodue.blogspot.it/p/lista-dei-semi.html
      Leggilo, vedrai che non è niente di terribile ;-)

      Sotto, tante varietà interessanti offerte.

      Elimina
    4. ahahah nooo... l'avevo letto... il che è un'aggravante ahahahh :) è proprio che mi dispiaccio a chiedere senza poter contraccambiare
      tra le tue ho visto alcune foto che mi fanno "impazzire" dello spinacione rosso (atriplex), la tetragonia neozelandese (eh be, figuramose se leggendo "nuova zelanda" non dovevo iniziare a sbavare), anche l'okra mi stuzzica la fantasia :)
      per ricambiare avevo pensato a dei bulbi di zafferano ma mi son perso pure quelli :(

      Elimina